Si è tenuta a Napoli dal 16 al 18 novembre la Conferenza Nazionale su “Legalità e Sicurezza" organizzata dalla Regione Campania in collaborazione con la Procura Nazionale Antimafia ed Eurispes.

Cyber Security in primo piano durante la Conferenza Nazionale su “Legalità e Sicurezza"
Oltre 100 esperti di caratura nazionale e internazionale si sono confrontati nell’ambito di otto tematiche che hanno costituito i relativi tavoli tematici: Beni Confiscati, Ambiente e Territorio, Sicurezza Urbana e Tutela Penale, Criminalità Organizzata Infiltrazione nell’Economia Legale, Terrorismo, Immigrazione e Tratta degli Esseri Umani, Cyber Security, Dipendenze, Sicurezza e Società. Presenti alla conferenza, insieme al presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, l’assessore regionale alla Sicurezza e Legalità, Franco Roberti, il presidente dell'Eurispes, Gian Maria Fara e il presidente dell'Osservatorio permanente sulla Sicurezza dell'Eurispes, Tullio Del Sette.

La sicurezza dei cittadini e la prevenzione dei crimini
"La sicurezza è il grande tema, che abbiamo davanti, e che, in questa conferenza, vogliamo affrontare frontalmente e declinare in tutte le sue manifestazioni e prospettive", ha detto Franco Roberti. "Ci saranno 8 Tavoli tematici. L'obiettivo - ha aggiunto - è di offrire ai governanti, al legislatore, ai policy-makers, un quadro di riferimento per l'avvio di politiche che non giochino sul senso di insicurezza dei cittadini, che è comprensibile, giusto e doveroso affrontare, ma che affrontino il tema in modo fondativo, in modo da realizzare poi delle politiche vere di sicurezza che passano per il momento repressivo, ineliminabile, ma che poi ci debbono portare sul lato della prevenzione a tutti i livelli. Un terreno questo su cui c'è ancora moltissimo da fare".
Fara e Del Sette hanno sottolineato l’importanza del lavoro di sinergia tra le istituzioni per mettere in campo strumenti sempre più efficaci di contrasto per fermare le grandi organizzazioni criminali sempre più ramificate in tutti i settori dell’economia e della società.

RisLab premiata per il proprio contributo alla sicurezza
Nell'ambito della conferenza nazionale sono state premiate le Startup innovative che si sono distinte con prodotti e progettualità altamente innovativi.
I progetti delle startup selezionate sono tecnologicamente evoluti e si inseriscono nelle dinamiche affrontate dagli otto tavoli di lavoro per offrire un contributo reale e fattivo alla soluzione delle criticità legate alla sicurezza. Tra le startup premiate c’è anche RisLab - Research and Innovation for Security Lab, che ha presentato il progetto VIPS.

ViPSS per la sicurezza del settore dei trasporti
ViPSS è un progetto che interviene sulla sicurezza delle persone nell'intero settore dei trasporti, su gomma, ferro, aria e acqua, implementando due aspetti principali alle normali attività per alla sicurezza: da un lato la maggiore mole di informazioni da elaborare, anche a seguito dell’avvento dell’IoT (che integra più componenti come i cellulari, sensori di temperatura, umidità), dall’altro problematiche legate ad aspetti quali prestazioni, algoritmi di data analytics e video analytics, problemi di affidabilità, e problemi di sicurezza.

RisLab tra le startup innovative premiate dalla Regione Campania durante la Conferenza Nazionale su “Legalità e Sicurezza"

Video sintesi della Conferenza Nazionale Sicurezza e Legalita'

“ Il progetto si rivolge ai passeggeri, punta a dare loro un maggior senso di sicurezza, la possibilità di partecipare in maniera diretta alla propria safety, e la consapevolezza dell’efficacia e dell'efficienzadegli interventi. ” — Flavio Frattini, Responsabile Progetto ViPSS

Il riconoscimento dato a RisLab dall'Assessore Fascione


Perché investire in cyber security?
La cyber security interviene in ogni sistema: poiché adesso tutto è connesso, tutto dev’essere protetto. Gli hacker possono infatti attaccare ogni funzione.

ViPSS e la soluzione di criticità legate alla cyber security
Il progetto affronta questi problemi da più punti di vista, per creare un sistema che fornisce agli operatori della sicurezza più informazioni per capire cosa sta avvenendo, dove e quando accade, e come intervenire, possedendo così una completa consapevolezza della situazione (situation awareness).
Il progetto si rivolge anche ai passeggeri, per dare loro un maggior senso di sicurezza, la possibilità di partecipare in maniera diretta alla propria safety, e la consapevolezza dell’efficacia degli interventi.